Parigi Alta Moda 2008: stile da vendere!

Parigi Alta Moda 2008 quest’anno ha fatto il pieno di stile.

Le passarelle parigine sono state tribuna di molti stili e di molte idee innovative. Collezioni 2008/09 improntate su gusto e stile, su eleganza e virtuosismi glamour.

Elie Saab, Chanel, Valentino, Christian Lacroix, Givenchy, Jean Paul Gaultier, Giorgio Armani e Christian Dior, tutti presenti e ansiosi di provocare in voi la shopping mania.


Cercherò di presentarvi, in maniera molto sintetica il filo conduttore di ogni collezione, a partire da Elie Saab.

Elie Saab ha creato abiti da sera su impronta medioevale e rinascimentale, ha giocato con colori particolari come il rosa antico e riecheggiato bustier stretti da fasce di raso, quasi a dare alla donna una sinuosità anni’50. Se amate le trasparenze e il pizzo, Elie Saab è lo stilista per voi!

Chanel, il marchio che non ha bisogno di presentazioni , ha creato una collezione sulle tonalità del grigio e argento con intarsi di rosa e ciclamino. La sua passerella ha visto alternarsi abiti particolarmente glamour, gorgiere di seta, abiti corti dal gonnellino ampio stretti da pinces tubolari. Per una donna elegantemente seducente e misteriosa come il firmamento.

Jean Paul Gaultier ha proposto una collezione molto stilosa. Pantaloni da fantino, borse di pelle, abiti da sera lavorati, maniche larghe stile monaco ritoccate quel poco da renderle fashion. Particolarissimo (ma sempre nel suo stile), l’abito da sposa fatto di trasparenze e con un velo molto Gaultier, formato da tubolari ricoperti di tessuto. Se amate l’originalità, non potete che guardare con ammirazione le creazioni dell’Enfant terrible.

Givenchy ha il mal di Sudamerica. Nella sua collezione parigina ha portato colore, dando maggior rilievo al tessuto. Peli di Lama e yak, motivi aztechi, stoffe peruviane e stivali di pelle. La tradizione sudamericana quest’anno ha colpito la geniale eccentricità ed eleganza di Givenchy.

Christian Lacroix ha portato la cultura nelle passerelle di Parigi. Voluminosa ed eccentrica la donna di Lacroix, un turbine di sensazioni costruite su cappelli strani, maniche larghe, chiffon e velluti. Ha usato la chiave onirica per dare alla donna quell’aspetto quasi irreale e noir, viziandola di pellicce e sete preziose.

Giorgio Armani propone una donna anni ’80 in chiave moderna, schiava di accessori preziosi su borse e abiti. Pochette, papillon per donna super glitterati, pantaloni un po’ stile odalisca, e tessuti leggeri. La donna Armani Privè non concede troppe possibilità e basa la propria esistenza sul proprio istinto e sulla femminilità.

Christian Dior dedica la propria collezione agli anni ’50, rimaneggiando lo stile in chiave odierna. Crinoline, vita stretta, cappelli anni ’40 e accessori molto grandi e vistosi. Zatteroni alti, abiti molto Jackie’O, balze e tessuti leggeri. Ottimi gli abiti da sera, anch’essi disegnati da John Galliano per Dior, bustier stretti che accompagnano l’abito redingote con mega fiocchi posteriori e tessuti lavorati e maculati.

Alessandra Facchinetti by Valentino crea una collezione nuova, fresca e incentrata su tessuti come cachemire, seta e organza. L’abito rievoca il candore della primavera e la semplicità dei fiori, unisce tradizione e fantasia accostando perle di cachemire su tulle e passando da abiti multistrato e drappeggiati a color cedro su bianco.

Voi cosa ne pensate?


Benedetta Guerra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...